Logo Comune di Golfo Aranci
Comune di 
Golfo Aranci
Provincia di Sassari 

Vigilanza assoluta sulle coste: parte l’operazione mare sicuro

Golfo Aranci – Arenili, stabilimenti balneari a attività commerciali saranno tenuti d’occhio dagli uomini della Guardia costiera. Prende il via l’operazione “Mare sicuro” organizzata anche quest’estate dall’Ufficio circondariale marittimo a tutela dei bagnanti. Previsti controlli mirati ad accertare il sicuro svolgimento delle attività connesse alla balneazione e al turismo nautico.

Gli uomini della Guardia costiera, coordinati dal comandante Matteo Borettaz, saranno impegnati in specifici controlli negli stabilimenti balneari per verificare che siano dotati di tutto ciò che è necessario alla sicurezza della balneazione: dalla presenza dei bagnini, ai materiali di pronto soccorso. Saranno effettuate anche ispezioni demaniali per accertare eventuali occupazioni non autorizzate e controlli nei punti vendita al dettaglio e nei centri di ristorazione mirati ad accertare commercializzazioni illecite di prodotto ittici e il rispetto delle condizioni igeniche. L’attività ispettiva sarà compiuta anche a bordo delle navi, per verificare il grado di sicurezza.
Tutto ciò, in aggiunta allo svolgimento dei tradizionali compiti di soccorso in mare, vigilanza antinquinamento e pesca marittima. Un’estate calda, dunque, per la Guardia costiera. Che dovrà fare rispettare anche l’ordinanza di sicurezza balneare che fissa le regole di comportamento per bagnanti e attività nautico-diportistiche. In particolare, vieta il transito e l’ormeggio a tutte le imbarcazioni nelle zone di mare riservate alla balneazione (200 metri dalle coste basse, sia sabbiose che rocciose, e 100 metri dalle coste rocciose a picco), impone il limite di velocità di 10 nodi entro i 500 metri dalle coste rocciose e i mille metri dalle spiagge e dispone di rigoroso rispetto del limite massimo dei passeggeri trasportabili a bordo delle imbarcazioni. Sul sito www.guardiacostiera.it bagnanti e diportisti potranno trovare un vademecum in cinque lingue con tutte le informazioni necessarie.

La Nuova Sardegna del 14/06/2008

Top